Chi è l’autore di Guitarzero?

Ciao, sono Ema, autore di Guitarzero. È un piacere darti il benvenuto. Con ragione vorrai conoscere chi scrive queste pagine.

Mi chiamo Emanuele Riva, sono nato nel 1982, sono un chitarrista.

Puoi scrivermi a questo indirizzo: info@guitarzero.it

Se mi chiedi cosa faccio nella vita ti rispondo il chitarrista, non è la professione che mi da da vivere ma è quella di cui mi piace scrivere. Faccio parte della maggioranza dei chitarristi. Uno di quelli che passa ore, giorni intere a studiare ed esercitarsi, scrivere musica e di musica per poi esibirsi un po’ ovunque, dai piccoli club ai palchi più grandi.

Come sono arrivato qui.

Quando avevo circa sedici o diciassette anni frequentavo i corsi di design del prodotto del Liceo Artistico Statale di Monza. Era il secondo e terzo anno di studi, internet stava entrando nelle scuole e nelle case di tutti, mia compresa. Ho iniziato allora, non conoscevo nulla di HTML ne di programmazione, ma sfruttando uno dei servizi free, come ce ne sono tuttora, ho realizzato le prime pagine web per la mia band.

Suonavamo da schifo e il sito era coerente con noi, entrambi da togliere dalla circolazione. Da allora sono passati oltre quindici anni, fortunatamente i successivi e attuali progetti musicali sono del tutto rispettabili.

Perché un blog.

heineken jammin festival blogger pass

Nel duemiladieci scrissi una recensione per quello che allora era l’ultimo album uscito dei Pearl Jam. Partecipai a un concorso promosso da Heineken Italia per la ricerca dei due blogger che avrebbero raccontato l’Heineken Jammin’ Festival di quell’anno. Vinsi il concorso e feci quattro giorni rock’n’roll \m/ fotografando e raccontando tutto quello che accadeva. Terminato l’evento tornando a casa pensai che avrei potuto aprire un blog mio. Sono passati degli anni, ho deciso negli ultimi mesi del duemilasedici di dare seguito a quello spunto.

Formazione musicale.

Ho iniziato ad appassionarmi alla musica ascoltando i dischi di mio padre e suonando una sua chitarra a cui abbiamo “girato le corde”. Sono mancino e da destro non riuscivo proprio. A diciotto, diciannove anni ho preso lezioni presso una scuola civica di musica, quanto tempo buttato. Non ho imparato nulla. Ho avuto conferma di questo un paio di anni fa quando decisi di dare una svolta a come vivevo questa mia passione. Volevo affrontare seriamente lo studio dello strumento così mi sono iscritto alla Rock Guitar Academy di Donato Begotti.

Sono appassionato di blues, soul, funk, funk-rock. Sono i generi che mi piace suonare. Il rock classico è la scuola, ma non mi tiro indietro ad ascoltare nuove proposte di ogni genere, anzi! Amo i brani con tanto groove e tiro e i chitarristi che mettono l’anima nelle loro note.

I miei progetti musicali.

Dal 2011 porto avanti il tributo ai Red Hot Chili Peppers. Questa band, questo progetto mi ha permesso e mi permette ancora di suonare in molti locali, grandi e piccoli, di partecipare a festival e manifestazioni in Italia e in giro per l’Europa. Ho un trio blues, rock’n’roll, surf, rockabilly, insomma sonorità vecchio stile, dove provo a suonare alla vecchia maniera; chitarra, cavo, ampli e via!

Quella banda matta degli Hot To Be Peppers

Si declama tanto contro le passioni, causa di tutti gli affanni umani, e si dimentica che sono anche la causa di tutte le nostre gioie.

Denis Diderot.

Che chitarra suono.

Ho cercato per passione e per capirmi di provarne il più possibile, nonostante trovare chitarre mancine non sia affatto facile, ma torno sempre dove sono partito. Stratocaster, manico ciccio, tastiera non troppo piatta, pochi pedali tra i piedi e pochi watt tirati per il collo, come scritto sopra “alla vecchia maniera”.

Se sei arrivato a leggere fino a qui ti ringrazio. Se vuoi scoprire di cosa si parla in questo blog c’è questa pagina dedicata: a chi si rivolge Guitarzero.

Se ha trovato i temi, gli articoli di questo blog interessanti puoi pensare di iscriverti alla newsletter di Guitarzero, trovi il form di iscrizione qui sotto, così resti sempre aggiornato!

Grazie per la lettura e a presto!
Ema.